Prima rassegna stampa sull'impiego dei fondi

"Il 31 luglio 2017, in occasione della Festa annuale dell’Associazione, il Dr Biagio De Angelis ci aveva parlato di questo importantissimo progetto.
Abbiamo sempre sostenuto e creduto nel Professor Franco Locatelli e nel suo team, col progetto “Le Risorse Cellulari della Vita”.

Oggi il risultato di queste loro ricerche è IMPAGABILE.
La ricerca offre una nuova speranza di GUARIGIONE per coloro per cui non erano più disponibili altre terapie.

"Per questo bambino – spiega Franco Locatelli, direttore del dipartimento di Onco-Ematologia Pediatrica, Terapia Cellulare e Genica del Bambino Gesù – non erano più disponibili altre terapie potenzialmente in grado di determinare una guarigione definitiva. Qualsiasi altro trattamento chemioterapico avrebbe avuto solo un’efficacia transitoria o addirittura un valore palliativo. Grazie all’infusione dei linfociti T modificati, invece, il bambino oggi sta bene ed è stato dimesso. È ancora troppo presto per avere la certezza della guarigione, ma il paziente è in remissione: non ha più cellule leucemiche nel midollo. Per noi è motivo di grande gioia, oltre che di fiducia e di soddisfazione per l’efficacia della terapia. Abbiamo già altri pazienti candidati a questo trattamento sperimentale".

Leucemia, bambino curato con la terapia genica

L’immunoterapia con linfociti riprogrammati comincia a dare risultati. Al Bambino Gesù di Roma trattato un piccolo di 4 anni, mentre dagli Usa arrivano i dati di efficacia a lungo termine su altri 75 pazienti

 

Al ‘Bambin Gesù’ la terapia genica che dona una speranza ai bimbi ammalati di cancro

La tecnica adottata consente al sistema immunitario (linfociti T) di riconoscere e attaccare il tumore. La terapia genica salva la vita a bambino di 4 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta, refrattario alle terapie convenzionali.

Riprendiamo questa notizia perché l'importanza e la portata di questi risultati non devono passare inosservati.
"Una buona notizia di quelle che scalda il cuore..." e dà tanta speranza.

 

Terapia genica salva la vita a bambino con leucemia linfoblastica acuta

Al Bambin Gesù di Roma, la terapia genica salva la vita a bambino di 4 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta, refrattario alle terapie convenzionali. A 45 giorni dalla somministrazione, il paziente è in "remissione molecolare".

Tags: impiego fondi, infusione linfociti